Petrolio Usa al record di produzione: è testa a testa nella sfida con Mosca

Date:  Comments: 0 - Permalink

vacilla il primato russo

Petrolio Usa al record di produzione: è testa a testa nella sfida con Mosca

Gli Stati Uniti sono già da tempo il maggior produttore mondiale di gas. Ora grazie allo shale oil stanno per strappare alla Russia anche il primato nel petrolio: per la prima volta nella storia Washington la settimana scorsa ha estratto 11 milioni di barili di greggio al giorno. Mosca, che si era mantenuta a lungo intorno agli stessi volumi, oggi è tornata a produrre circa 11,2 mbg, ma solo perché ha cominciato a riaprire i rubinetti, attenuando i tagli concordati con l’Opec.

Anche l’Arabia Saudita, messa sotto pressione da Donald Trump, ha accelerato fortemente le estrazioni, riportando l’output a 10,5 mbg in giugno. Riad tuttavia non ha mai raggiunto quota 11 mbg, benché ne abbia la capacità e si prepari – a quanto si dice – a spingersi fino a questo livello nei prossimi mesi, per far fronte ad eventuali carenze di offerta dovute alle sanzioni Usa contro l’Iran e ad altre emergenze produttive.

Il dato sulla produzione americana potrebbe essere impreciso. In passato l’Energy Information Administration (Eia) ha spesso corretto – anche in modo pesante – le statistiche settimanali, che si basano in parte su stime.

Le ultime statistiche mensili, considerate più attendibili, risalgono ad aprile e indicano un output di 10,5 mbg: un risultato comunque eccezionale per la rapidità con cui è stato raggiunto. Grazie alla ripresa delle quotazioni del greggio, che ha incoraggiato le attività di fracking, gli Usa hanno aumentato la produzione di oltre 1,3 mbg nel giro di un anno.

La potenza energetica americana preoccupa sempre di più i concorrenti. Anche le esportazioni di greggio, che Washington ha liberalizzato solo a fine 2015, sono cresciute in modo esponenziale, spingendosi un mese fa a un picco di 3 mbg: volumi che la maggior parte dei Paesi Opec non è in grado neppure di estrarre.

Per l’amministrazione Trump non è ancora abbastanza. L’obiettivo dichiarato è raggiungere il «predominio energetico», atraverso la conquista di quote di mercato sempre più ampie non solo per il greggio, ma anche per il gas liquefatto e possibilmente per il carbone «made in Usa», salvo invocare l’aiuto dei concorrenti – come l’Arabia Saudita e la Russia – per moderare i prezzi quando la volatilità diventa eccessiva.

Riad, in chiave anti-iraniana, per ora sta al gioco. Lo stesso sembra fare Mosca. Ma nell’Opec molti tremano. Anche perché dagli Stati Uniti si sta profilando una nuova minaccia.

Il disegno di legge «Nopec», acronimo che sta per «No Oil Producing and Exporting Cartels», è stato approvato dalla commissione giustizia alla Camera e ora ha avviato lo stesso iter al Senato. Serviranno anche il voto in aula e il via libera della Casa Bianca, ma la possibilità che il testo diventi legge – consentendo agli Usa un’azione antitrust contro l’Opec – sembra concreta. Tanto concreta che il gruppo, secondo indiscrezioni, avrebbe convocato per oggi a Vienna una riunione con esperti legali per studiare le contromosse.

Video
I più letti di Finanza & Mercati

Accedi

Inserisci username e password per accedere ai servizi del Sole 24 Ore

Le regole della Community

Il Sole 24 ORE incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. Non verranno peraltro pubblicati contributi in qualsiasi modo diffamatori, razzisti, ingiuriosi, osceni, lesivi della privacy di terzi e delle norme del diritto d’autore, messaggi commerciali o promozionali, propaganda politica.

Finalità  del trattamento dei dati personali

I dati conferiti per postare un commento sono limitati al nome e all’indirizzo e-mail. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell’utente. Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità  competenti. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà  pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso – a titolo esemplificativo – il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Source

http://ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-07-18/petrolio-usa-record-produzione-e-testa-testa-sfida-mosca-201004.shtml?uuid=AEeeAlNF

About admin

Highlighted News:

Sorry, no posts matched the criteria.
Sorry, no posts matched the criteria.
Sorry, no posts matched the criteria.

No Comments

Be the first to start a conversation